Uefi o Legacy quale scegliere e come installare linux in Uefi

Uefi o Legacy?

 

Legacy e’ il vecchio sistema di bios per il boot, Uefi e’ il nuovo sistema sempre per il boot

La differenza sostanziale e’:

Unified Extensible Firmware Interface (UEFI) è il successore dei vecchi BIOS.

UEFI utilizza il GUID Partition Table (GPT), mentre BIOS utilizza lo schema di partizionamento Master Boot Record (MBR).
GPT e MBR sono entrambi i formati che specificano le informazioni di partizionamento fisico sul disco rigido.
Qui di seguito vediamo la differenza:
– Dimensione massima della partizione in MBR è 2 TB, mentre in UEFI è 9 zetabyte
– MBR può avere al massimo 4 partizioni primarie mentre GPT può averne 128.
– MBR può memorizzare solo un bootloader, mentre GPT ha dedicato una partizione separata di sistema EFI (ESP) per la memorizzazione di bootloader multipli. Questo è molto utile se si hanno due o più sistemi operativi che richiedono diverso bootloader.
– Gui più avanzata e più facile da utilizzare
– UEFI offre avvio sicuro (Secure boot) che può impedire ai virus di auto avviarsi al caricamento e quindi di intaccare il boot dei sistemi.
Il più grande vantaggio di UEFI è che può lavorare a fianco del BIOS.
Il precedente Legacy può ancora essere utilizzato in dispositivi che non richiedono storage di grandi dimensioni o di sicurezza. Quindi un diverso tipo di gestione delle partizioni del disco e minor limitazioni, utile per i grossi pc e server per esempio.
In aggiunta l’Uefi ha il secure boot che permette di settare una password da assegnare alla partizione di boot, in questo modo ogni programma che tenta di modificare la partizione di boot deve essere autorizzato da password ( questo puo’ essere utile per evitare malware o similari che si installano in boot ).
Il secure boot e relativa password si puo’ disattivare da bios volendo.
Il disco con Uefi viene gestito cosi’:
– La tabella delle partizioni del disco intero e’ in GPT nuovo standard per la gestione delle partizioni del disco, che sostituisce l’MBR (Master Boot Record).
Quindi nell’intero disco va creata una tabella delle partizioni in formato GPT
che consente quindi utilizzo di sole partizioni primarie senza più la necessità di partizioni estese e logiche.
-Viene creata una partizione da 256 mb o 512mb di tipo efi dedicata in formato Fat32
– Poi si possono creare tutte le partizioni che si vuole:
​In linux per esempio si aggiunge una partizione di circa 25/35gb formattata ext4 ( primaria ) per il sistema operativo detta partizione di boot identificata con ( / )
poi si aggiunge la partizione per lo spazio utenti sempre ext4 della dimensione desiderata detta di home (/home) e infine una partizione sempre primaria di swap (/swap) che di norma andrebbe fatta minimo della stessa dimensione della ram o doppia anche se nel caso di possieda di molta Ram esempio anche 8GB difficilmente linux usera’ lo swap.
Windows 8, 8.1 e 10 gestiscono l’uefi mentre dal windows 7 in giu’ occorre legacy (vecchio standard)
le ultime distribuzioni Linux supportano Uefi
Nel mio caso per installare linux in Uefi ho fatto cosi’:
1) creato nuova tabella delle partizioni GPT per intero disco, poi creato partizione primaria di tipo efi di 250mb, poi partizione 35gb per (sistema operativo) /, poi partizione ampia per ( dati utente) /home e  partizione per /swap.
Al momento di creare quella efi da 250mb gli ho detto che non era una partizione formato ext4 ma riservata EFI.
Installato il tutto mi ha solo chiesto di assegnare una password per secure boot e tutto e’ andato liscio.
Volendo da Bios la password per secure boot puo’ essere disabilitata prima della installazione.
Reboot finale e’ tutto ha funzionato
Considerazioni: a meno che non si debbano gestire molte partizioni e dischi e file di grandi dimensioni va’ benissimo anche il vecchio Legacy ma per non stravolgere la struttura del disco in computerrecenti gia’ dotati di windows 8 o superiore sul quale si voglia installare linux allora va bene lasciare UEFI.
Roberto Lissandrin