News

Attacco hacker come difendersi – WannaCry ransomware

In questi giorni molti utenti in tutto il mondo sono stati infettati da un virus Ransomware  di quelli che chiede un riscatto per sbloccare il pc.

WannaCry

ha colpito gli utenti windows che non avevano effettuato regolarmente gli aggiornamenti di sistema e quindi anche le fix di sicurezza rilasciata da Microsoft

Qui viene descritto come correre ai ripari se ancora non si e’ stati infettati :

Fix WannaCry ransomware with Windows update KB4012598

Fix for WannaCry ransomware is now available for download. Check out here for more details and update download links.

Fonte: sihmar.com/fix-wannacry-ransomware-windows-update-kb4012598-download/

e qui un rapido riepilogo per il download delle fix:

Microsoft Update Catalog

Fonte: www.catalog.update.microsoft.com/Search.aspx?q=4012598

Qui: viene pare venga spiegato come rimuovere eventualmente il virus:

Rimuovere Wncry (WannaCrypt)File Virus Ransomware (istruzioni per decriptare i file incluse)

Read More

Liste IPTV spesso aggiornate da utilizzare con Vlc

Quasi quotidianamente in questo sito vengono aggiornale le liste giornaliere delle IPTV anche SAT Italiane da scaricare ( formato .m3u)

da aprire con vlc ( leggere le istruzioni nella pagina specifica prima del download ) e con visualizza scaletta scegliere il canale preferito.

Mio consiglio : impostare rigorosamente i dns di google : 8.8.8.8 e 8.8.4.4  nel vostro router adsl o nel vostro dispositivo in quanto

molti provider hanno queste liste di server nelle loro Black List ( liste nere).

Italy | IPTVm3ulist

Free M3u file download. Always online new IPTV playlists. Sport Channels Free IPTV lists, m3u files. Gse Player, Vlc Player m3u, Android, IOS iptv m3u

Fonte: www.iptvm3ulist.com/category/europe/italy/

Loro consigliano questo player ma e’ solo per windows : https://www.iptvm3ulist.com/dl/CherryPlayer-2.4.3-setup.exe

controllate sempre se c’e’ disponibile quella del giorno le vecchie potrebbero non funzionare e non sempre funzionano anche le nuove

ma come si dice “a caval donato…..” !

AGGIORNAMENTO GIUGNO 2017 !

Altra lista interessante puo’ essere :

http://www.pandasat.info/iptv/kodi

Mette a disposizione un elenco di canali tv funzionanti molto vario,

occorre salvare tutto cio’ che esce nel browser con copia e incolla dentro un file esempio : pandasat.m3u  e poi aprirlo con Vlc.

Ve lo condivido pronto per comodita’ :

https://drive.google.com/file/d/0B3uLASdtczcSZjNmSXNzbE85VWM/view?usp=sharing

Ci vuole qualche secondo per aprirsi perche’ si auto aggiorna, quando esce qualcosa a video con visualizza scaletta vedrete tutti i canali disponibili

Buon divertimento

Roberto Lissandrin

 

Read More

IPTV lo sport in streaming sul vostro pc o dispositivo mobile

Qualche giorno fa’ mi e’ capitato di leggere un articolo che spiegava come vedere lo sport in streaming sul pc o sul proprio dispositivo mobile e ho pensato di riportarlo in questo mio post.

ATTENZIONE!  vi premetto io però che per vedere i canali evidenziati nell’articolo, non hanno detto che bisogna forzare sul proprio dispositivo l’utilizzo dei dns di google e non quelli del proprio provider di internet, perche’ molti siti sono nelle black list dei provider e quindi vengono oscurati sembrano non esistere.

Invece inserendo forzatamente o nel vostro router adsl o nel dispositivo i dns di google i siti funzionano:

Dns di google sono: 8.8.8.8 e 8.8.4.4 uno primario e l’altro secondario.

Se non sapete come fare cercate su google “come impostare i dns di google” perche’ le istruzioni variano da router a pc a dispositivo mobile etc… non ve le posso riportare tutte.

Detto questo che e’ fondamentale eccovi l’articolo:

Sport in streamig

Streaming Calcio con Rojadirecta come vederlo

Come detto in precedenza, Rojadirecta, il sito spagnolo di streaming gratis, è un mostro a più teste del web. Il che significa che ogni volta che viene oscurato un sito o un dominio ne ricompaiono altri alla velocità della luce sul web, pronti per trasmettere il calcio in streaming e molti altri sport. Sono infatti molti i link utilizzati negli anni. Ecco i link per accedere allo streaming gratis Rojadirecta, pur sempre illegali:

Rojadirecta Me

Rojadirectas.me

Rojadirecta Eu

Rojadirecta.eu

Rojadirecta Italiano

Rojadirecta.it

Rojadirecta Tv

Rojadirecta.tv

Rojadirecta Spagnolo

Rojadirecta.es

Rojadirecta Forum (Video completi e Highlights)

forum.rojadirecta.es

Rojadirecta App

Esistono varie versioni dell’App per mobile o tablet del sito di streaming. Vi consigliamo di provarle per Android digitando la ricerca sullo store di Google Play oppure per Apple su iTunes.

Rojadirecta Proxy

A volte può capitare che Rojadirecta è bloccato con l’accesso da vari paesi, tra cui l’Italia, con l’oscuramente degli indirizzi IP. In questo caso è necessario cambiare il proxy con un servizio tipo Anonymouse o Youproxy.

Rojadirecta Bloccato: ecco cosa fare se lo streaming gratis non funziona. Le alternative a Rojadirecta

Con Rojadirecta bloccato o Rojadirecta chiuso gli utenti che non vogliono arrendersi all’idea di dover pagare per vedere il calcio in streaming e lo sport, iniziano la disperata ricerca di alternative alla pagina che per molti anni ha fornito loro i link per lo streaming gratuito. Cerchiamo di scoprire alcune di queste pagine:

  • Live tv: Nonostante una presentazione un po’ confusionaria, la pagina, con dominio nella isola caraibica di San Martín, offre la visione di appuntamenti sportivi di tutti i tipi, dal calcio allo sci, dal tennis alla pallacanestro. È disponibile in diverse lingue, e presenta una dettagliata guida all’uso che facilita notevolmente l’accesso agli eventi desiderati.
  • Intergoles.com: Come può suggerire il nome, si tratta di una pagina prevalentemente calcistica, anche se si possono vedere anche altri eventi sportivi. Il formato è abbastanza semplice, e favorisce link gratuiti ed a pagamento e spesso riconduce ad un’altra pagina spagnola sorella di Rojadirecta, Pirlo tv anch’essa chiusa, ma incorporata da Intergoles. Unico inconveniente: spesso rimanda a pagine su cui ci si deve registrare, allungando i tempi per potersi collegare all’evento.
  • Rinconrojadirecta.com: E’ sostanzialmente un clone di Rojadirecta: ha infatti al suo interno il celebre elenco delle partite del sito spagnolo incorporato, da cui è possibile accedere alle partite in streaming.
  • Livefootballol: Pagina esclusivamente dedicata al calcio in streaming. Fornisce link e notizie calcistiche da tutto il mondo, compresi video di eventi dei giorni precedenti. La pecca principale è la pessima grafica con scritte in rosso su fondo bianco.
  • Stream2watch.co: L’impaginazione lascia a desiderare, però offre un’ampia scelta di calcio ed eventi sportivi di ogni genere, anche se spesso è necessaria una registrazione gratuita per vederli.
  • Lfootball: Sito molto pulito e ben strutturato principalmente impostato sul calcio e basket NBA. E’ molto facile da usare.
  • Freefootball: All’aprire questa pagina, così come per altre di questo tipo, appare una finestra rossa avvisandoti che il programma potrebbe danneggiare il tuo pc. Se ti fidi del tuo antivirus o se la tua voglia di streaming ti spinge a rischiare, è una pagina che vale la pena consultare.

Ci fermiamo qui, ma esistono almeno altre 10 pagine interessanti per lo streaming gratuito, alcune delle quali, ad esempio Sopcast, richiedono l’installazione di un software.

Attenzione: Alcuni di questi servizi sono illegali. Evitate l’eventuale installazione di programmi che possono creare danni al vostro pc. Alcuni siti per vedere lo streaming calcio gratis funzionano inoltre solo con Adblock disattivato. Se invece avete intenzione di vedere gol e azioni del campionato italiano di calcio sul nostro sito cliccate su Highlights Serie A.

Ecco questo e quando ho letto e riportato

Roberto Lissandrin

 

Read More

Android è il sistema operativo più vulnerabile del 2016 ma anche linux non scherza

Tramite uno studio tenuto da CVE Details, veniamo a conoscenza dei sistemi operativi e dei software che sono stati più vulnerabili nel 2016.

Fonte: Android è il sistema operativo più vulnerabile del 2016

Secondo questo articolo anche linux sembra essere molto vulnerabile.

La classifica pubblicata da CVE Details sulle vulnerabilità ha lasciato molti amanti del mondo Open Source con l’amaro in bocca, ma non è la prima volta che succede. Prendendo come esempio Ubuntu, nel 2015 si trovava con 261 falle in 4° posizione.

Read More

Trasformare un vecchio portatile in un Chromebook

Questo slideshow richiede JavaScript.

Se abbiamo comprato tempo fa un netbook quelli con processore Atom e 1gb di ram dove ci girava windows xp o windows 7 starter ma oggi sono diventati lenti, estremamente lenti tanto da non poterci far quasi nulla o se abbiamo in notebook non recente ma ancora funzionante, possiamo trasformarli in chromebook.

La società Neverware, in collaborazione con i tecnici di Google, ha realizzato una versione “ad hoc” di Chromium OS battezzandola CloudReady

molto simile anzi praticamente uguale all’ originale Chrome OS.

Secondo gli sviluppatori di Neverware, CloudReady consentirà a qualunque sistema vecchio di otto anni o meno di funzionare senza difficoltà così come fosse una macchina di fattura molto più recente.
In questa pagina sono elencati i sistemi per i quali Neverware certifica la compatibilità di CloudReady. Ovviamente, però, il sistema operativo potrà essere installato su moltissimi altri PC, compresi quelli assemblati a suo tempo.

Nel video qui proposto possiamo vedere le funzionalita’ dell’originale chrome os di google quello installato nei veri chromebook che pero’, almeno per ora

non possiamo scaricare e installare sui nostri pc perche’ google se lo tiene stretto e non lo rilascia ne a pagamento ne liberamente.

 

Pero’ Cloudready e’ veramente molto simile a Chrome OS e con pochi semplici passaggi ci permette di trasformare il nostro portatile in un Chromebook.

E’ un sistema operativo minimale che si basa sostanzialmente su google chrome o chromium  e tutte le sua app messe a disposizione nel suo app store oltre che ai vari servizi di google come Drive, Calendar etc….

La prima cosa da fare e’ quella di scaricare la versione 32 bit free per uso personale non aziendale da questo links:

https://www.neverware.com/freedownload/

c’e’ anche una versione a 64 bit per chi volesse installarlo su notebook di ultima generazione.

Attenzione perche’ cosi come Chrome OS anche Cloudready lavora solo online quindi connessi alla rete altrimenti senza connessione possiamo fare molto poco.

Il file scaricato sara’ un file .zip compresso

Sarà necessaria una chiavetta usb da almeno 4gb meglio se 8gb

Le alternative sono essenzialmente due: è possibile utilizzare il software Rufus (utility per windows)  oppure l’app per ChromeUtilità ripristino Chromebook (scaricabile ed installabile da questa pagina).

Rufus e’ una utility che non occorre installare basta avviarla. Dopo aver selezionato Immagine DD dall’apposito menu a tendina, bisognerà fare clic sulla piccola icona alla sua destra quindi selezionare il file zip scaricato.

Gli utenti di Chrome, invece, dopo aver installato l’app Utilità ripristino Chromebook, dovranno semplicemente eseguirla ( in windows ) e selezionare installa da file locale.

Dopo aver fatto clic sull’icona Ripristino, si dovrà cliccare sul pulsante raffigurante un piccolo ingranaggio e selezionare usa immagine locale (file zip)

Alla fine entrambe le funzioni creeranno una usb key bootable ( avviabile ) che inserita nel portatile fara’ partire in modalita’ di prova Cloudready dopo una serie di schermate di configurazione.

Una volta provato e’ possibile installarlo definitivamente su disco fisso

Il pulsante in basso a sinistra consentirà di accedere a tutte le app mentre cliccando sulla barra posta nell’angolo inferiore destro si potrà richiedere l’installazione di CloudReady sul disco (cancellando tutto l’eventuale contenuto).

Per procedere, basterà fare clic sulla voce Install CloudReady e seguire le istruzioni.

Ovviamente procuratevi se non lo avete un account google altrimenti inutile neanche provarci.

Se volete provare cloudready 64bit in virtualbox ecco il link per scaricare la macchina virtuale pronta solo da importare e configurare: http://go.neverware.com/freeVirtualbox

Buon divertimento

Roberto Lissandrin

 

Read More

Remix OS Player, Android su PC con un emulatore

Remix OS Player permette di utilizzare le app e i giochi Android su PC. Non richiede complesse installazioni, trattandosi di un’applicazione .exe disponibile per PC x86. In arrivo anche la versione per sistemi Mac.

E’ un emulatore di android e quindi si installa come qualsiasi programma, poi una volta eseguito lancia android in una finestra e a quel punto mediante il google play store si possono installare tutte le App che si vuole.

A dire il vero viene utilizzato dagli sviluppatori per testare le App sul pc ma puo’ essere simpatico per i giochi o particolari app di android.

Non lo ho testato, ma penso richieda un hardware un po’ potente considerando che l’hardware su cui di solito gira android e’ potente.

Ora e’ disponibile gratuitamente solo per pc windows ma pare che a breve lo sia anche per Mac.

Bisogna provare … e’ prodotto dagli stessi che stanno cercando di realizzare la versione desktop ovvero che sostituisce il nostro sistema operativo in toto e fa girare android solamente su pc.

Sito ufficiale: http://www.jide.com/remixos-player

Sorgente: Remix OS Player, Android su PC con un emulatore

Read More

Google al lavoro su Fuchsia, un misterioso, nuovo sistema operativo – Wired

Del nuovo progetto Fuchsia ancora non si sa nulla: potrebbe unificare Android e Chrome OS o restare confinato al mondo dell’Internet delle cose

C’è un nuovo sistema operativo nei piani di Google. La casa di Mountain View in queste ore ha caricato in Rete le prime, sibilline informazioni relative a un suo nuovo progetto, dal nome in codice Fuchsia. Del software ancora non si sa nulla, ma considerato il successo riscosso dai precedenti sistemi operativi dell’azienda —Android sui dispositivi mobile e da Chrome Os sui laptop — l’attenzione degli osservatori non ha tardato a concentrarsi sull’iniziativa. Dall’acquisizione a oggi Google infatti ha saputo portare il robottino verde su più di un miliardo di dispositivi; Chrome Os dal canto suo negli Stati Uniti si sta comportando bene e davanti ha un futuro promettente: intanto i PC che lo montano hanno già superato nelle vendite i MacBook di Apple; inoltre il supporto per le app Android è destinato a farlo crescere in popolarità.

continua su:

Sorgente: Google al lavoro su Fuchsia, un misterioso, nuovo sistema operativo – Wired

Read More

Tempo scaduto per l’aggiornamento gratuito a windows 10 ora non e’ piu gratis

Tempo è scaduto. Windows 10 è diventato a pagamento. Dal 29 luglio, chi vorrà passare all’ultima versione del sistema operativo per pc, dovrà acquistare una licenza. Non si tratta di un voltafaccia da parte del colosso di Redmond: «La fine della gratuità di Windows 10 non deve trarre in inganno, Microsoft non sta cambiando modello di business, non l’ha mai cambiato: i nostri sistemi operativi sono a pagamento. Con l’operazione che si è appena conclusa, abbiamo voluto dare un messaggio: un’enorme offerta gratuita durata un anno, per accelerare al massimo l’adozione di Windows 10. In questo modo abbiamo costruito un’ottima base di utenti per gli sviluppi futuri», racconta al Corriere della Sera Evita Barra, direttore della divisione Windows e Device di Microsoft Italia.

Il «Ninja Cat», la mascotte di Windows 10

Dal 2 agosto sarà disponibile l’aggiornamento con nuove funzionalità e miglioramenti: Cortana più intelligente, Store più ricco e novità come Ink. Si punta su intelligenza artificiale e integrazione con il mobilenext

Il «Ninja Cat», la mascotte di Windows 10

Invece per tutti gli utenti che, da luglio dell’anno scorso hanno scaricato la nuova versione, sono in arrivo molte novità. Dal 2 agosto riceveranno gratis l’Anniversary Update, il primo grande aggiornamento di Windows 10. Di fatto si tratta di un sistema operativo nuovo (il pacchetto da scaricare pesa 3 gigabyte) e, poiché dovrà arrivare sui 350 milioni di dispositivi su cui è installato, sono state pianificate delle «ondate». Quindi non tutti lo riceveranno durante il primo giorno di uscita. Chi non riesce ad aspettare, può recuperare l’upgrade con lo strumento «media creation tool».

 

Fonte: Corriere della Sera

Read More

Installare Mate in mint versione cinnamon o ubuntu 16-04 o 15.10

Cinnamon a parte i bachi della nuova versione 3.0 che saranno presto risolti  e’ sicuramente il miglior desktop per linux ma anche mate  recentemente rinnovato molto simile al vecchio gnome e molto leggero al pari di xfce nella nuova versione e’ veramente molto elegante e valido.
Entrambi sono in linux mint ma insallabili molto facilmente su anche su ubuntu anche nella ultima 16.04 LTS o precedente 15.10
Per installare mate, che vi consiglio di provare perche’ non elimina unity ma si installa come alternativa da scegliere al login
qui c’e’ spiegato come fare :

INSTALLARE IL DESKTOP MATE SU UBUNTU 16.04

Eseguire i seguenti comandi per installare MATE Desktop Environment su Ubuntu 16.04:

$ sudo add-apt-repository ppa:ubuntu-mate-dev/xenial-mate
$ sudo apt-get update
$ sudo apt-get upgrade
$ sudo apt-get install mate-dock-applet

Se si desidera disinstallare e rimuovere Desktop Mate da Ubuntu 16.04, eseguire il seguente comando:

$ sudo apt-get install ppa-purge
$ sudo ppa-purge ppa:ubuntu-mate-dev/xenial-mate

Fonte: https://websetnet.com/it/install-mate-desktop-environment-ubuntu-1604-ubuntu-1510/

Invece per aggiungere Mate a linux mint versione cinnamon basta semplicemente aprire gestione software cercare:

mint-meta-mate

e installarlo e il gioco e' fatto.

Fonte: How to install MATE in Linux Mint Cinnamon Edition

Read More

Smaltimento rifiuti hi-tech, al via il ritiro gratuito nei negozi

La campagna Uno contro zero promossa dal ministero dell’ambiente è improntata sullo smaltimento gratuito dei rifiuti hi-tech imposto ai distributori.

Partirà il prossimo 22 luglio la campagna denominata <<Uno contro zero>> avente ad oggetto lo smaltimento dei rifiuti hi-tech. Una novità già al vaglio da tempo e condensata nel decreto numero 121 del sette luglio del Ministero dell’Ambiente, pubblicato ieri sulla Gazzetta Ufficiale: i negozi di elettrodomestici saranno obbligati a ritirare in via del tutto gratuita i cosiddetti dispositivi <<RAEE>> (Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche). L’appellativo coniato alla campagna <<Uno contro zero>> – che entrerà in vigore a far data dal prossimo 22 luglio – esplica appieno le peculiarità salienti della detta modalità: il cittadino potrà infatti disfarsi di rifiuti hi-tech di piccole dimensioni senza esser costretto a pagare qualcosa, sia in termini di denaro che, in corrispettivo, mediante l’acquisto di un nuovo prodotto elettronico.

continua…..

Sorgente: Smaltimento rifiuti hi-tech, al via il ritiro gratuito nei negozi

Read More